header photo

UIL Camera Sindacale Provinciale

Reggio Calabria

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Migranti e lavoro. L’appello della Uil: “Basta ghetti e sfruttamento”

san ferdinando«Altre due vite spezzate dall’intreccio tra criminalità organizzata e disperazione. Non si può continuare così” a dichiararlo  sono Guglielmo Loy, segretario confederale Uil, Stefano Mantegazza, segretario generale Uila  e Gianni Ricci, segretario generale Uil Foggia, sull’incendio che ha ucciso due persone nel “Gran Ghetto” in agro di San Severo.

 

“Non possiamo continuare ad assistere impotenti, a indignarci e a versare lacrime inutili. Barra dritta e con convinzione procediamo nella direzione dello sgombero di tutti i ghetti della Capitanata”, affermano Loy, Mantegazza e Ricci secondo i quali è necessario “perseguire con ancora più forza chi specula sul bisogno e costringe centinaia di immigrati a permanere in un ghetto chiuso alcuni giorni prima. Occorre combattere la criminalità organizzata e far rispettare le leggi e, sotto questo profilo, va garantito il massimo supporto all’azione delle forze dell’ordine. Applichiamo la nuova legge sul caporalato, sollecitiamo l’applicazione di procedure e protocolli etici in materia di trasporto, integrazione, inclusione. Impegniamoci ad applicare il “protocollo contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura”. L’obiettivo comune deve essere fare rete attivando progetti per migliorare le condizioni dei lavoratori e togliere spazio a chi li sfrutta. “Per debellare alla radice il lavoro nero e dare le risposte di civiltà che il paese richiede, non è sufficiente la sola repressione. Per questo continueremo a insistere nei confronti del Governo, delle istituzioni regionali e soprattutto delle associazioni datoriali (Confagricoltura, Coldiretti e Cia) affinché la Rete del lavoro agricolo di qualità possa essere attivata in tutti i territori, in particolare lì dove la piaga del lavoro nero è maggiormente presente. Siamo, infatti, convinti che solo creando un sistema di gestione del mercato del lavoro trasparente e alternativo al Caporalato sarà possibile dare le risposte che sia le imprese che i lavoratori si aspettano. Tramite la Rete va inoltre istituito un sistema di trasporti per il lavoro agricolo sostenuto anche da risorse pubbliche. Potranno essere autobus che portano gratuitamente i braccianti sui luoghi di lavoro (al posto dei carissimi servizi di trasporto offerti dai caporali), o ambulatori mobili, alloggi degni di questo nome e distribuzione di acqua e cibo, fino agli sportelli di informazione legale e ai corsi di italiano. Le risorse ci sono ma va fatto uno sforzo collettivo per uscire da questa emergenza».

 

Ma non è tutto. «La questione va affrontata in un’ottica globale”, proseguono Loy, Mantegazza e Ricci. Infatti, per il segretario confederale Uil, il segretario generale Uila e il segretario generale Uil Foggia “ora occorre raccordare l’azione di Regione, comuni, prefetture, forze dell’ordine, imprenditoriali e sindacati. Va definita una road map per lo sgombero di tutti i ghetti. Perché se non si arriva a questa conquista, non sarà possibile garantire condizioni di vita più dignitose e reale integrazione a questi lavoratori».

FacebookTwitterGoogle+

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento